Bonus gas, sconti in bolletta sotto l’albero

Bonus gas Dopo l’elettricità è la volta del gas. Le famiglie numerose e a basso reddito avranno infatti diritto ad uno sconto annuo del 15% circa sulla bolletta del metano che può arrivare fino a 230 euro.

Soddisfatti utenti e associazioni consumatori che prevedevano rincari in bolletta nell’ordine del 6,7% per il prossimo anno.

Come funziona?
Il bonus ha valore retroattivo a tutto il 2009 e sarà cumulabile con lo sconto del 20% sui consumi di elettricità giù attivato all’inizio dell’anno.
Introdotto dal ministero e definito nelle modalità applicative dall’Autorità per l’energia, con la collaborazione dei Comuni, il bonus prevede riduzioni che possono arrivare a 160 euro per le famiglie fino a quattro componenti, mentre le famiglie più numerose, con più di tre figli, potranno ottenere una riduzione fino a 230 euro.

Gas in rete
L’agevolazione riguarderà però solo il metano distribuito in rete mentre rimarrà escluso il gas in bombola e il Gpl.

Soggetti beneficiari
Per poter usufruire degli sconti basterà rispondere ai medesimi requisiti previsti per il bonus elettrico:


  • essere titolari di un contratto diretto di fornitura del gas
  • avere un Indicatore di situazione economica equivalente (Isee) - che non coincide con il reddito personale - non superiore a 7.500 euro (in caso di famiglia numerosa, con più di tre figli a carico, il tetto Isee è di 20mila euro).

Il bonus vale anche per chi utilizza impianti di riscaldamento condominiali a metano.

Retroattività a scadenza
Il bonus ha effetto retroattivo al 1° gennaio 2009 se si presenta domanda entro il 30 aprile 2010. Dopo il 30 aprile, si perderà il diritto al bonus retroattivo ma si potrà comunque fare la richiesta del bonus per i dodici mesi successivi alla presentazione della domanda. Infine, il valore del bonus è differenziato per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura e acqua calda; solo riscaldamento; oppure cottura, acqua calda e riscaldamento insieme); per numero di persone residenti in casa; per zona climatica di residenza.

Aumenti a tutto gas
Benvenuta alla misura che dovrebbe agevolare i nuclei a basso reddito dunque. Il Centro ricerche economiche della Federconsumatori ha infatti previsto un anno horribilis sul fronte energetico, con aumenti a partire dal 1° gennaio nell’ordine del 2,73%, pari a 26,57 euro annui. La folle corsa dei prezzi non finisce qui: ad aprile 2010 infatti si registrerà un ulteriore aumento del 3,5-4%, comportando così un aumento complessivo di circa 62 euro annui. Federconsumatori e Adusbef osservano inoltre che sugli oltre 3,5 milioni di famiglie aventi, secondo le loro stime, diritto al bonus elettrico, a inizio novembre solo 1,3 milioni avevano fatto richiesta per il bonus.

La modulistica è disponibile sui siti
www.autorita.energia.it,
www.sviluppoeconomico.gov.it,
www.bonusenergia.anci.it.

  • shares
  • +1
  • Mail