Il novembre nero del lavoro: disoccupazione record


Il record non è di quelli che fanno piacere, soprattutto perché dà l’impressione che un buon segmento di tempo sia passato per nulla: lo scorso novembre, sotto il profilo dell’occupazione, è stato un mese nero per l’Italia, il più nero da cinque anni a questa parte.

Il record italiano
In base a quanto emerge dai dati diffusi dall’Istat relativemente al mercato del lavoro: a novembre 2009 la disoccupazione ha toccato il livello record dell’8,3%. L’ultima volta che si era registrato un livello simile, correva il marzo 2004. Pressoché stabile rispetto al mese precedente (solo +0,1%), la disoccupazione è cresciuta di ben 1,3 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

I giovani sono i più danneggiati
L’analisi svolta dall’istituto di statistica nazionale fotografa uno scenario particolarmente scoraggiante per i giovani italiani. La disoccupazione giovanile, infatti, si è attestata al livello del 26,5%, in crescita del 2,9% rispetto all’anno precedente.

Lo scenario europeo
Tuttavia, se in Italia si piange, in Europa non si ride. L’Eurostat – l’Istituto di statistica dell’Unione europea – ha comunicato dati poco incoraggianti riguardo allo stato dell’occupazione all’interno dell’Eurozona. A novembre, la disoccupazione – che partiva dal livello del 9,9% di ottobre – è salita al 10%. Se l’Italia, nel suo piccolo, è tornata indietro di 6 anni, all’Europa è andata ancor peggio: era dal lontano agosto 1998 che non si trovava in simili condizioni.

  • shares
  • +1
  • Mail