I fondi resistono alla prova 2009


Il 2009, che si era aperto sull'orlo del tracollo, si è concluso – tutto sommato – in maniera non disastrosa per il sistema dei fondi in Italia. Nel nostro Paese, secondo quanto reso noto da Assogestioni, il mese di dicembre ha confermato la tendenza positiva della seconda parte dell'anno appena concluso, consentendo all'intero settore del risparmio gestito di difendersi dai colpi di coda della crisi finanziaria.

Il mercato dei fondi tiene
Nell'ultimo mese dell'anno, il bilancio tra sottoscrizioni di nuovi fondi e riscatti ha fatto segnare un discreto +1,6 miliardi di euro. Nel complesso, dunque, il 2009 il saldo della raccolta rimane in passivo per soli 3 miliardi di euro, portando la cifra al patrimonio totale alla somma di 430 miliardi di euro.

Bene gli azionari e gli obbligazionari
Entrando nello specifico, si nota come sono state ottime le performance dei fondi azionari, la cui raccolta è risultata positiva per 347 milioni, e degli obbligazionari, che, pur non raggiungendo i risultati entusiasmanti del mese di novembre (+ 1,366 miliardi), hanno evidenziato afflussi per 1,1 miliardi.

Luci (flessibili) e ombre (fondi di liquidità)
Hanno chiuso l'anno in gran spolvero i flessibili, la cui raccolta è stata positiva per oltre 1 miliardo, mentre non altrettanto si può dire dei fondi di liquidità, in picchiata di 1,1 miliardi. È difficile lamentarsi anche dell'andamento dei fondi bilanciati (+281 milioni), ma qualche perplessità in più è lecito nutrirla rispetto ai risultati conseguiti dagli hedge, campo in cui non si arrestano i riscatti (-17 milioni).

In discesa i fondi di diritto italiano, bene quelli di diritto estero
Ponendo attenzione al domicilio, si rimarcano i riscatti che hanno continuato a subire i fondi di diritto italiano (-1,3 miliardi da -369 milioni di novembre), diversamente da quanto è accaduto per i fondi di diritto estero, che hanno registrato afflussi per quasi 3 miliardi (+1,637 miliardi a novembre). In quest'ultimo caso, comunque, si tratta di dati provvisori, visto che quelli definitivi saranno disponibili solo con la pubblicazione della nuova mappa del risparmio gestito.

  • shares
  • +1
  • Mail