Prestito d'onore: c'é ma non si vede!

prestito d\'onore

Del prestito d'onore ne avevamo già accennato in un vecchio post, ricordate?

Il meccanismo é quasi sempre lo stesso, lo studente ottiene un'apertura di credito in conto corrente fino ad un massimale annuo, per un certo periodo. In seguito lo studente salda il debito senza gli interessi passivi.

Leggo ora, sullo speciale del lunedì del Sole24Ore, che il bilancio dei primi tre anni dei prestiti d'onore ha fatto "Flop". Bandi deserti, studenti riottosi e poco convinti sull'effettiva importanza e usabilità dello strumento.

L'Italia non é la sola a ricorrere poco allo strumento del prestito d'onore, secondo Eurostudent 2005, lo strumento del prestito d'onore é quasi totalmente sconosciuto in Spagna, Portogallo, Irlanda, Austria e Lettonia, Paesi che viaggiano ancora principalmente sulle Borse di studio.

Convivenza di prestiti e borse invece per Finlandia, Olanda e Germania.

Nell'ambito dei finanziamenti europei vi segnaliamo il programma comunitario Socrates (sito ufficiale, sito del ministero, area download), principale strumento per l'apprendimento nell'ambito delle politiche europee di coesione.

L'ultima volta avevamo anche parlato di IntesaBridge (Banca Intesa), un altro esempio, di prestito Universitario. Vi proponiamo di seguito una breve intervista a Marco Morganti, responsabile Laboratorio Banca e Società, Banca Intesa. (Leggi l'intervista)

  • shares
  • +1
  • Mail