Care, care Poste Italiane

Il servizio postale italiano è uno tra i più cari d’Europa. Lo attesta una ricerca dell’Anacom, Autorità di regolazione portoghese, ente che ogni anno mette in ordine i servizi postali dei 27 membri dell’Unione europea in base ai costi.

Un podio costoso

Un servizio equivalente a quello offerto dalla posta prioritaria in Italia negli altri Paesi della Ue costa in media 48 centesimi di euro, 12 centesimi in meno dei 60 che deve pagare chi intende avvalersi dell’operato di Poste italiane. Prezzi maggiori a quelli italiani si trovano esclusivamente in Finlandia e Danimarca (74 centesimi), mentre in Slovacchia è applicata una tariffa uguale.

In peggioramento
Nel 2008, l’Italia, sempre con un costo di 60 centesimi, occupava il quinto posto della speciale classifica. Nel frattempo, però, le tariffe sono state drasticamente ridotte in Polonia: adesso, a Varsavia e dintorni, cartoline e lettere si spediscono con 47 centesimi, costo in linea con la media europea.

Le cartoline più convenienti
Il servizio postale più economico in termini assoluti è quello di Malta. Nella piccola isola mediterranea, infatti, l’invio di una missiva costa appena 19 centesimi, vale a dire quattro volte meno di quanto è vero per la Finlandia.

Poste e potere d’acquisto
La classifica cambia sensibilmente se si rapporta il costo del servizio postale al potere d’acquisto che la moneta ha nelle diverse nazioni prese in considerazione. Con le tariffe ponderate in questo modo, le poste meno economiche sono quelle bulgare e slovacche (con un costo stimabile in 75 centesimi a invio), mentre quelle meno dispendiose resterebbero quelle di Malta (21 centesimi). Ridisegnando la classifica secondo questi parametri, poi, si scoprirebbe un’Italia in linea con la media europea, con un costo di 49 centesimi a invio.

Poste economiche verso l’estero

Molto care all’interno del Paese, le Poste Italiane si rivelano economiche per le spedizioni verso l’estero. Il servizio postale italiano, infatti, si piazza al quarto posto per quanto riguarda l’economicità della posta prioritaria indirizzata oltre confine, che diventa il secondo nella classifica che tiene conto anche del potere d'acquisto.

  • shares
  • +1
  • Mail