Elettricità e gas: tariffe sull'ottovolante

Scatterà domani, primo giorno d'aprile, l'aggiornamento delle tariffe sulle bollette di energia elettrica e gas deciso dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas. In base alla direttiva, si alleggeriranno le bollette dell'energia elettrica, mentre risulteranno appesantite quelle delle gas.

Si abbassa l'energia elettrica, rincara il gas
Le variazioni decise dall'autorità garante riguardano i prezzi di riferimento del secondo trimestre 2010 destinati al servizio di tutela per le famiglie e le piccole aziende ancora non passate al libero mercato. Nel dettaglio, le tariffe dell'energia elettrica scenderanno del 3,1%, mentre le bollette del gas saranno interessate da un aumento del 3,6% delle tariffe.

Andamento delle tariffe
Il -3,1% dell'energia elettrica è l'ultima di una serie di riduzioni delle tariffe registrate nel corso del 2009 e durante il primo trimestre dell'anno in corso. In seguito alla revisione delle tariffe, la spesa media per l'elettricità di una famiglia tipo si riduce di circa 13 euro su base annua (da sommare, appunto, alle riduzioni di 39 euro del 2009 e di 10 euro di inizio 2010). L'andamento delle quotazioni internazionali dei prodotti petroliferi, invece, si ripercuote sulle tariffe del gas naturale provocandone l'innalzamento (conseguenza anche dei scarsi livelli di concorrenza ed efficienza che si evidenziano nel mercato del gas). La famiglia italiana tipo, quindi, spenderà 34 euro in più per la bolletta del gas su base annua. Tuttavia, svolgendo questa considerazione, non si può dimenticare che nel corso del 2009 le forti riduzioni dei prezzi del gas registrate (-16,4,%) consentono di mantenere la spesa annua ancora inferiore, di 32 euro, rispetto a quella del 1° aprile 2009. In base a tutto ciò, dunque, la spesa totale per gas ed elettricità di una famiglia tipo italiana rimane inferiore del 4% (ovvero di 59 euro più bassa), su scala annuale, in confronto a quella di un anno fa.

  • shares
  • +1
  • Mail