Imprenditori per gioco... non è uno scherzo

Il gioco può essere un utile allenamento per imparare a svolgere anche le attività più complicate. Per questo, in Francia, il ministero delle Finanze, in collaborazione con altri enti istituzionali, ha messo a disposizione dei cibernauti un gioco virtuale con cui prepararsi a divenire auto-entrepreneurs e a districarsi tra le difficoltà che comporta la gestione di un'azienda.

Chi sono gli auto-entrepreneurs?
Il gioco virtuale è ispirato da una delle più vivaci realtà del contesto economico francese. Nel tentativo di rispondere ai morsi della crisi economica, intendendo stimolare la nascita di micro-imprese individuali, a partire dal gennaio 2009 il governo francese ha definito la figura dell'auto-entrepreneur, contraddistinta da un semplificazione sia delle formalità sia dei costi connessi alla creazione d'impresa, sia degli adempimenti di tipo fiscale, contributivo e strumentale. Il successo è stato immediato: su 580.193 imprese nate l'anno scorso sul suolo francese, ben 320.019 hanno aderito al regime di auto-entrepreneur, generando un volume d'affari trimestrale medio pari a 3.700 euro. Il sopraggiungere del nuovo anno non ha arrestato la tendenza: delle 108.900 imprese che hanno dato avvio alle loro attività nei primi due mesi dell'anno, il 62% è rappresentato da auto-entrepreneurs. Il positivo riscontro nel Paese ha incoraggiato il governo francese a disegnare ulteriori misure per agevolare la vita dell'auto-entrepreneur (maggiore coordinamento tra gli enti preposti, un miglioramento della qualità e dell'affidabilità delle informazioni, il potenziamento dell'attività di formazione dell'auto-entrepreneur, la creazione di servizi personalizzati in funzione della fase di attività, una maggiore tutela mediante la lotta alle pratiche fraudolente diffuse nei confronti dell'auto-entrepreneur). Nel complesso delle iniziative volte a pubblicizzare le possibilità offerte dal particolare regime fiscale rientra anche la messa online del videogioco "Ma cyber auto-entreprise".

Il videogioco

Il software, in buona sostanza, ha lo scopo di fare familiarizzare l'aspirante auto-entrepreneur con le buone pratiche dell'imprenditoria e con i trucchi che è necessario padroneggiare per divenire un imprenditore di successo, capace tanto di produrre efficientemente un bene o un servizio quanto di ben amministrare la propria attività. Attualmente sul sito si trova un versione di prova del videogioco, che nella versione finale avrà 4 livelli di diversa difficoltà, ognuno della durata di 3-4 ore di gioco e centrato su un particolare aspetto della vita aziendale.

Come iscriversi e giocare
Dopo essersi registrato in maniera gratuita al sito, il videogiocatore dovrà scegliere tra due diversi avatar (Emma o Sami) e muovere i primi passi nel mondo virtuale. Nel primo modulo, si dovrà interagire con gli oggetti e i personaggi che occupano 4 luoghi differenti cercando di raggiungere gli obiettivi stabiliti: reperire le informazioni giuste e realizzare in maniera ottimale (in termini di tempo, soldi e risorse) le azioni necessarie per un buon avviamento dell'attività. Nel secondo modulo (La vita di tutti i giorni), online prima della fine di aprile, ci si troverà a vivere una giornata tipo dell'auto-entrepreneur dietro la scrivania della sua azienda. Per maggio, sarà online il terzo modulo (Il progresso), in cui l'obiettivo sarà quello di ottimizzare l'attività della propria azienda. A fine maggio, poi, sarà disponibile l'ultimo modulo (Superare gli ostacoli), che si configurerà come un banco di prova per quanti desiderano sviluppare l'attività e cambiare regime nel caso si superino le soglie fissate per poter essere considerato auto-entrepreneur (volume d'affari fino a 80mila euro per le attività commerciali e fino a 32mila euro per le prestazioni di servizi).

  • shares
  • +1
  • Mail