Incentivi: si parte "solo" il 15 aprile

Sembrava che dovessero iniziare oggi, le spese "incentivate" dal decreto governativo... e invece i consumatori dovranno attendere fino al prossimo giovedì 15 aprile, quando gli inventivi al consumo diventeranno operativi a tutti gli aspetti.

Il deferimento del decreto attuativo
Per far valere gli inventivi sull'acquisto di moto, cucine ed elettrodomestici, dunque, bisognerà attendere la prossima settimana: lo ha stabilito il Decreto attuativo pubblicato quest'oggi sulla Gazzetta ufficiale e dunque entrato in vigore. Il differimento rispetto alla data inizialmente ipotizzata trova una spiegazione nel tentativo di organizzare per il meglio il meccanismo che porterà alla fruizione degli incentivi. Il ministero, infatti, spiega la decisione del rinvio al 15 aprile come una concessione fatta "alle richieste delle principali associazioni della distribuzione, nonché di diversi operatori delle telecomunicazioni, al fine di evitare rischi di congestione, i primi giorni saranno dedicati esclusivamente alle registrazioni dei venditori".

Procedura al via solo per i rivenditori
Se per toccare con mano gli incentivi i consumatori dovranno quindi aspettare ancora un po', i venditori sono già in trincea. Da oggi, infatti, per poter attivare l'effettiva erogazione degli incentivi ai consumatori, i rivenditori devono registrarsi in un apposito elenco, chiamando al numero verde 800/556670 il call center appositamente predisposto per loro.

Dal 15 aprile via agli acquisti
La volta dei consumatori arriverà il 15 aprile. Da quel momento sarà possibile servirsi degli incentivi per gli acquisti. Il giorno stesso, inoltre, presso il call center delle Poste Italiane sarà attivato un numero verde anche per i consumatori.

Procedura e tempi degli incentivi
Il decreto attuativo ha stabilito i dettagli del provvedimento sugli incentivi. I 300 milioni di agevolazioni per l'acquisto di ciclomotori, cucine ed elettrodomestici, case ecosostenibili, abbonamenti a internet veloce per i giovani fino a 30 anni e i prodotti industriali come inverter e motori elettrici, gru, rimorchi e macchine agricole saranno concessi non oltre 31 dicembre 2010 e solo fino a esaurimento degli stanziamenti per ciascun settore. Per godere degli sconti offerti dagli incentivi, i consumatori dovranno chiedere di usufruirne direttamente al rivenditore; a quest'ultimo spetterà il compito di verificare la disponibilità dei fondi chiedendo a un apposito call center attivato presso le Poste. Nel caso si ottenga il via libera per la concessione dello sconto, si applicherà direttamente l'incentivo (i consumatori quindi otterranno lo sconto direttamente alla cassa) che potrà essere recuperato (dai rivenditori) presso gli sportelli postali.

  • shares
  • +1
  • Mail