Saldi: in cerca di affari con cautela

Iniziati i saldi, prima di lanciarsi alla ricerca degli affari, è bene che i consumatori ripassino con attenzione i comportamenti da mettere in pratica per evitare fregature.

I consigli di Altroconsumo
Ad aiutare i consumatori nella scelta dell'occasione giusta concorrono i consigli di Altroconsumo, l'associazione per la tutela e la difesa dei consumatori.

Come comportarsi di fronte alle vetrine colme di cartelli che reclamizzano sconti eccezionali e offerte imperdibili?


    1. Confrontare il cartellino del prezzo vecchio con quello ribassato: se si hanno dubbi sulla percentuale di sconto o il prezzo vi sembra corretto, chiedere chiarimenti al negoziante.

      Controllare che i capi siano in buone condizioni: se il difetto viene fuori dopo l'acquisto, è possibile chiedere la risoluzione del contratto: il negoziante deve restituirvi l'importo pagato oppure ridurre il prezzo. È importante conservare lo scontrino.


      Provare sempre l'articolo scelto: se ci si pente dell'acquisto non sarà poi possibile cambiarlo. Infatti il cambio è a discrezione del commerciante. Quindi è bene chiedere sempre se sarà consentito effettuare un cambio e quanti giorni sia avranno per farlo.


      Evitare di acquistare i capi d'abbigliamento che non abbiano le due etichette (quella di composizione e quella di manutenzione), per evitare di danneggiarli nella pulitura a secco o in quella ad acqua fatta a casa.


      Fare un giro qualche giorno prima della data di inizio dei saldi per essere sicuri che la merce che si troverà sia veramente quella di stagione. La legge prevede che i saldi non riguardino tutti i prodotti, ma solo quelli di carattere stagionale e articoli cosiddetti di "moda", cioè quelli che hanno probabilità di deprezzarsi se non vengono venduti durante una certa stagione.


      Ricordare che i prezzi esposti vincolano il venditore: se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, occorre farlo notare al negoziante e non esitate, in caso di problemi, a far intervenire la polizia municipale.


      La garanzia vale per due anni dall'acquisto. Attenzione, dunque, agli scontrini di carta chimica, che sbiadiscono dopo qualche mese; fotocopiateli per poterli esibire al momento opportuno. La garanzia va fatta valere entro sessanta giorni dal momento in cui si scopre il difetto (D.lgs. 24/2002).


      Un negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre, anche in periodo di saldi, e a non aumentare i prezzi per pagamenti effettuati con la carta.


      Attenzione ai pagamenti effettuati con la carta revolving, perché i tassi applicati possono superare il 20%. Questo strumento di pagamento può essere conveniente nel solo caso di rimborso del capitale in tempi brevissimi, vale a dire pochi mesi.


      Attenzione a non fare il passo più lungo della gamba: le dilazioni di pagamento possono indurre in tentazione, ma bisogna sempre fare bene i conti per evitare di trovarsi nell'impossibilità di saldare le rate.

    • shares
    • Mail