Italia: città che vai, prezzo che trovi. Bolzano e Milano le più care

Cercare casa a Potenza, evitando Roma, fare la spesa a Napoli e scegliere i vestiti a Campobasso – fuggendo da Trieste: questo, in linea teorica, sarebbe il modo, certificato da una ricerca congiunta di Istat, Unioncamere e Istituto Tagliacarne, per condurre una vita all’insegna del risparmio. Per quanto risulta dall’indagine, comunque, in Italia – a parità di potere d’acquisto – le città del Nord risultano più care di quelle del Meridione.

Bolzano e Milano, le più care
Il titolo di città più cara d’Italia, in base alla rilevazione (che ha interessato tutti i centri capoluogo di Regione d’Italia), spetta di diritto a Bolzano, seguita a ruota da Bologna e Milano. A parità di potere d’acquisto, a Bolzano il costo della vita risulta il 5,6% superiore al livello medio registrato nel resto del Paese. Nella rossa, dotta e grassa Bologna, invece, i prezzi sono più alti rispetto alla media del 4,9%, mentre nel capoluogo lombardo la vita è più cara del 4,7%. Nella speciale classifica seguono Genova (+3,4%), Trieste (+3,1%) e Trento (+3%).

Napoli, Campobasso e Potenza: il tris dei costi bassi
Tra i capoluoghi dove la vita costa meno sono presenti moltissime città del Sud del Paese. Se volete vivere spendendo meno che in ogni altra parte d’Italia, stabilitevi all’ombra del Vesuvio: a Napoli il costo della vita è il 6,26% inferiore rispetto al resto d’Italia. Campobasso (-5,8%), Potenza (-5,3%), Reggio Calabria (-5,1%), Bari (-3,9) e Palermo (-2,6%) sono le altre città dove è possibile vivere spendendo meno della media nazionale.

Settore per settore: ecco dove è possibile fare affari
La ricerca di Istat, Unioncamere e Istituto Tagliacarne ha poi scomposto il Paese per zone di convenienza. Si è così scoperto che per alimentari, acqua e bevande la città più cara è Bolzano (+8% rispetto alla media dei prezzi registrata nelle altre città), mentre Napoli è la più economica (-9%). Per il settore dell’abbigliamento e delle calzature, Trieste è particolarmente salata (+3,7%), mentre Campobasso è la città più conveniente (-5,4%). Comprare e gestire un’abitazione, invece, risulta particolarmente costoso a Roma (+12.8%) ed economico a Potenza (-14,4%).

  • shares
  • +1
  • Mail