Le tasse buone

Dagli Stati Uniti arrivano brutte notizie per chi non vuole perdere il piacere di un bicchiere di buon vino ogni tanto; se le si ascolta, però, avendo a cuore il benessere generale della società, il tam-tam d’oltreoceano diventa un ritmo incoraggiante: un gruppo di studiosi ha scoperto che l’aumento della tassa su alcolici e super-alcolici potrebbe salvare ogni anno migliaia di vite.

La ricerca
In una ricerca pubblicata sull’American Journalf Public Health si rende noto che con un aumento delle tasse su vino, birra e liquori si riescono a limitare notevolmente i costi umanitari e sanitari legati all’abuso di bevande alcoliche.

Come ridurre di un terzo le morti da alcol
In base a quanto osservato nello studio dai ricercatori dell’Università della Florida, il raddoppio delle imposte sugli alcolici condurrebbe alla riduzione di un terzo delle morti totali (-35%), dell’11% delle vittime della strada, del 3,4% degli episodi di criminalità e violenza domestica e del 6% delle malattie sessuali.

Stando a quanto riferito dagli studiosi, dunque, la leva fiscale sarebbe la più efficace per contrastare gli effetti deleteri degli abusi di alcol. Analizzando 50 anni di ricerche scientifiche sulla mortalità alcol-correlata si è scoperto che nessun programma di dissuasione avrebbe effetti paragonabili a quelli dell’inasprimento delle imposte sul consumo di alcolici.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO