Bollette: ecco i mini-ribassi

Le bollette di luce e gas saranno più leggere e all’utilizzo di fonti di energia alternativa sarà data ancora una spinta: questi sono gli effetti delle decisioni prese dall’Autorità dell’energia elettrica e il gas nell’ambito delle ridefinizioni trimestrali delle tariffe (il prossimo ritocco sarà il primo gennaio).

Via libera ai mini-ribassi
Quelle approvate dall’autorità garante a partire sono mini-ribassi: le tariffe della corrente elettrica scendono dell’0,5%, mentre i prezzi del metano vengono ribassati solo dello 0,1%. Nonostante si tratti di ribassi appena percettibili, sul lungo periodo le famiglie vedranno il loro “conto energetico” ridursi.

La spesa media annua tendenziale della famiglia tipo (con consumi medi di 2.700 chilowattora l'anno e un contatore da 3 chilowatt) sarà sulla corrente di 421 euro, «in calo di ulteriori 2 euro circa su base annua. La spesa media per la bolletta elettrica di una famiglia tipo – avverte l'Autorità dell'energia – è diminuita negli ultimi anni: di 27 euro (-5,9%) nel 2010 rispetto al 2009; di 43 euro (-9,1%) nell'ultimo biennio (2010 su 2008)». Per il metano, «la spesa media di una famiglia tipo sarà di circa 1.013 euro nel 2010».

Le bollette per l’energia verde
I mini-sconti sulle bollette dipendono anche dallo spazio concesso a certificati verdi e “conto energia” destinati al fotovoltaico: incentivi allo sviluppo di questa tecnologia finanziati con un prelievo sulle bollette. Nel corso del 2010, questi incentivi ammonteranno complessivamente a 1,8 miliardi di euro.

  • shares
  • +1
  • Mail