Conto energia: incentivi a portata di mouse!

Conto energia Procedure semplificate per la richiesta di incentivi sul fotovoltaico: dal 1° dicembre il GSE (Gestore dei Servizi Energetici ) avvierà la nuova procedura telematica che permette a tutti i titolari di impianti fotovoltaici di richiedere gli incentivi online. Attraverso il portale web www.gse.it gli utenti potranno compilare ed inviare la documentazione necessaria. Lo annuncia lo stesso Gse precisando che ''il solo utilizzo di procedure informatiche consentirà di ridurre sensibilmente il tempo necessario per l'ammissione al Conto Energia e aumenterà l'efficienza del servizio''. Per meglio utilizzare la procedura il Gse ha reso disponibile agli utenti una guida on line.

Fotovoltaico in crescita

In Italia si registra una crescita esponenziale di impianti fotovoltaici e di soggetti pubblici e privati, che richiedono i relativi incentivi al Gse. Ad oggi risultano in esercizio in Italia circa 115mila impianti per oltre 1.700 MW di potenza installata.

Il conto energia

Introdotto il 19 febbraio 007 il meccanismo di incentivazione degli impianti fotovoltaici denominato Conto Energia, remunera, con apposite tariffe incentivanti, l’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici per un periodo di 20 anni e prevede:


  • la richiesta di concessione delle tariffe incentivanti dopo l’entrata in esercizio dell’impianto;

  • un massimo di potenza incentivabile pari a 1200 MW più un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici);

  • la possibilità di realizzare impianti di qualsiasi taglia superiore ad 1 kWp;

  • tariffe che premiano maggiormente il grado di integrazione architettonica e l’uso efficiente dell’energia.

Posso usufruire dell’incentivo le persone fisiche e giuridiche, nonché i soggetti pubblici e i condomini di unità abitative e/o di edifici che siano interessati, individuati come soggetti responsabili nel DM 19 febbraio 2007.

Importante: la domanda per l’incentivo deve essere presentata al GSE entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dell’impianto, pena la decadenza dall’ammissibilità alle tariffe incentivanti.

  • shares
  • +1
  • Mail