Gli italiani e i debiti di Natale

Debiti di Natale Cosa si aspettano gli italiani sotto l’albero? Una montagna di debiti!
Per 3,7 milioni di famiglie il Natale 2010 servirà a pagare i debiti di quello passato. La denuncia è contenuta nel "Rapporto annuale del contribuente 2010" illustrata a Napoli dall'Associazione Contribuenti Italiani nel corso della presentazione del nuovo magazine "Contribuenti.it".

Secondo lo studio condotto da KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it, un contribuente su dieci, circa 3,7 milioni di persone, non ha ancora saldato i debiti contratti un anno fa.

Credito al consumo: tassi alle stelle

A condannare le famiglie italiane sarebbe il galoppare dei tassi sul credito al consumo, più elevati della media dell'eurozona. Lo rileva la Banca d'Italia in un'audizione in Senato. Un «primato», spiega il dirigente della Vigilanza, Andrea Generale, che riguarda tutte le categorie: dalle carte di credito revolving (oltre il 17%), alla cessione del quinto di stipendio (14%), ai prestiti personali (11,3%) e al credito finalizzato (poco sotto l'11%). Per gli scoperti di conto corrente senza affidamento si rilevano tassi medi del 17% fino a 1.500 euro e 13,5% oltre tale soglia. Il maggior costo è attribuibile alla ridotta dimensione del mercato e al canale distributivo utilizzato.

  • shares
  • +1
  • Mail