La benzina "aumenta"? Forse è il caso di passare a treno e aereo

La benzina vola, il gasolio pure e le polizze auto non accennano a rallentare la crescita: a quanto pare gli italiani, con una certa cautela, cominciano a passare a treno e aereo, al posto dell'auto.

Secondo un'analisi condotta dall'Osservatorio sulla mobilità sostenibile dell'Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) basata sui dati di un'indagine Istat, tra il 2009 ed il 2010 l'impiego dell'auto è sceso dal 65,6% dei viaggi al 64%: un cambiamento davvero molto ridotto, ma che potrebbe essere il primo segnale di una tendenza.

L'auto rimane certamente il mezzo preferito, soprattutto per i viaggi di piacere, mentre aereo e treno - insieme - prevalgono nei viaggi d'affari. In ogni caso è un dato di fatto che gli italiani sono ancora troppo legati all'uso dell'automobile privata. Riuscirà la benzina alle stelle a modificare queste abitudini? Certo, se i prezzi degli aerei sono concorrenziali, non si può dire lo stesso per i treni, specialmente nelle tratte ad alta velocità.

  • shares
  • +1
  • Mail