La mappa dell'evasione fiscale: Sicilia e Calabria guidano la classifica


Le province di Crotone, Catania e Ragusa sono le tre province a maggior rischio evasione fiscale. La mappatura del territorio italiano è stata effettuata dalla Cgia di Mestre che ha analizzato il rapporto fra il reddito disponibile delle famiglie e una serie di indicatori che individuano il livello di benessere di un dato territorio.

Gli indicatori sono semplici: la quota delle case di lusso, i consumi alimentari, la crescita dei depositi bancari negli ultimi 3 anni, il numero di auto immatricolate ogni 1.000 abitanti, i consumi dei carburanti, la percentuale di auto con cilindrata superiore ai 2.000 cc e i consumi di energia elettrica per uso domestico.

Questi elementi indicano con una buona precisione lo stile di vita degli abitanti di un territorio, un dato che incrociato con il reddito dichiarato al fisco individua "il rischio di evasione". Le differenze fra il nord e il sud Italia sono evidentissime. Le province di Trieste, Bologna, Bolzano e Milano sono in testa fra quelle dove i consumi sono congrui con i redditi dichiarati, mentre Crotone, Ragusa e Catania sono in coda alla classifica. La prima provincia "sotto al Po" è quella di Pescara, piazzatasi al 53° posto.

  • shares
  • +1
  • Mail