Riforma Fiscale: tempi lunghi, ma i vantaggi sarebbero per redditi alti


La Riforma Fiscale sembra già uscita dal dibattito politico, il governo e la maggioranza sono troppo impegnate nell'approvazione della manovra correttiva e ci vorrà molto tempo prima che il decreto delegato che dovrebbe rivoluzionare il nostro sistema tributario venga definito ed approvato. Intanto secondo le elaborazioni della CGIA di Mestre c'è un'ulteriore conferma che il "sistema delle tre aliquote" (20%, 30% e 40%) andrebbe essenzialmente a vantaggio dei contribuenti più ricchi, appena il 4% del totale.

I contribuenti che hanno un reddito fra i 55 mila e i 75 mila euro annui risparmierebbero circa 2000 euro grazie alla nuova Irpef, quelli con un reddito superiore ai 75 mila (meno del 2% del totale) si troverebbe in tasca 3800 euro in più. I contribuenti fra i 0 e i 15 mila euro risparmierebbero appena 114 euro, quelli fra i 15 mila e i 28 mila 368 euro ed infine quelli fino a 55 mila euro 417.


Appare evidente che siamo ancora in una fase molto embrionale e sicuramente verranno introdotte delle misure di aggiustamento. Una di queste dovrà far aumentare le detrazioni per i carichi familiari affinchè i vantaggi fiscali vengano spalmati anche sui redditi medio bassi.

  • shares
  • +1
  • Mail