Credito al consumo: gli italiani i più insolventi d'Europa

Come mai i tassi d'interesse dei prestiti personali in Italia sono più alti della media europea? La risposta potrebbe essere, banalmente, "perché gli italiani sono quelli con il tasso d'insolvenza più alto nel vecchio continente". Questo sembra emergere da uno studio pubblicato sul sito di Bankitalia dal titolo "Which households use consumer credit in Europe?" e realizzato dalle ricercatrici Silvia Magri, Raffaella Pico e Cristiana Rampazzi.

Bankitalia sta dando diffusione ai risultati, anche se questi non rappresentano la "posizione ufficiale" della nostra banca centrale. I dati, riferiti al 2008, indicano grosse variazioni nella percentuale di famiglie che risultano inadempienti quando si tratta di rimborsare le rate di un prestito personale da paese a paese.

Le percentuale di insolvenza più bassa si registra nel Regno Unito con un 2,3% (il paese che fa un ricorso maggiore al credito al consumo) mentre Germania, Francia, Spagna e Olanda oscillano fra il 5% e l'8%. Il nostro paese è comunque in testa con un 10,5% di insolventi, in pratica una persona su dieci si rivela un cattivo pagatore. La situazione, almeno secondo lo studio, è comunque "migliorata" rispetto al 2005, ma questo pericoloso primato non riesce a togliercelo nessuno.

  • shares
  • +1
  • Mail