Vacanze on line e polizze assicurative, più diritti per i consumatori

L'entrata in vigore del nuovo Codice del Turismo ha introdotto nuovi diritti per i consumatori in materia di vacanze on line e polizze assicurative
Uno degli interventi più significativi sul fronte della tutela dei consumatori operato dal Codice del Turismo riguarda la vendita di pacchetti di vacanze online. La rete è stata settore a rischio sia per la presenza di operatori non autorizzati sia per la difficoltà di ottenere un risarcimento.

Dal 21 giugno, invece, per legge la vendita di pacchetti online è equiparata alla vendita in agenzia. In caso di offerta non corrispondente alla realtà del servizio è il venditore a essere unico responsabile nei confronti dell’acquirente. Più facile, quindi, ottenere l’eventuale risarcimento se la struttura alberghiera e/o la tipologia dei servizi non corrispondono a quelli previsti dal pacchetto.

Altra novità in materia di polizze assicurative. Finora, il turista che doveva rientrare da Paesi extraeuropei forzatamente o a causa di insolvenza dell’operatore, poteva ricevere un risarcimento dal Fondo nazionale di garanzia. Non esistevano forme di rimborso per viaggi rovinati a causa di emergenze, imprevisti e inadempienza dell’organizzatore.

Ora invece si stabilisce che il turista potrà essere assistito da polizze assicurative che garantiscano rientro immediato dall’estero, in caso di emergenze imputabili o meno al comportamento dell’organizzatore o dell’intermediario, e che assicurino assistenza anche dal punto di vista economico. In caso di fallimento dell’intermediario-organizzatore, si potrà arrivare anche al rimborso del prezzo versato per il pacchetto.

  • shares
  • +1
  • Mail