Crowdfunding: nel 2013 boom del fundraising via web

In soli due anni la cifra dei finanziamenti raccolti grazie al web è raddoppiata. E Negli States è tutto pronto per una legislazione ad hoc in grado di far decollare gli investimenti sulle start up

Il 2013 sarà l’anno del crowdfunding, ovverosia delle collette via web che si stanno diffondendo sempre di più nei settori “deboli”, quelli messi in ginocchio dai tagli dei finanziamenti pubblici. In Italia sono sempre di più i festival, le manifestazioni culturali, i film, i cd musicali, i dvd e i libri che vengono prodotti solamente dopo essersi garantiti uno zoccolo duro di finanziamenti.

Di vero e proprio boom si tratta visto che dagli 1,5 miliardi di dollari raccolti nel 2011 si passerà ai 3 miliardi di dollari del 2013, cifra raddoppiata in soli due anni.

Un vero e proprio salto di qualità per un settore che in Italia è ancora in attesa di un regolamento, da parte della Consob, per la definizione dell’equity crowdfunding ovverosia di imprenditori che chiedono al web il finanziamento delle proprie start up. Secondo uno studio del gruppo di consulenza Deloitte, 2 miliardi di dollari di raccolta si concentreranno nelle donazioni e nel consumer lending (il credito al consumo sul web).

L’altra modalità (che secondo Deloitte potrebbe raccogliere 700 milioni di dollari) è quella tramite portali di reward-based, ovverosia quegli spazi web che raccolgono iniziative per le quali a una cifra di finanziamento corrisponde una ricompensa che può andare dal libro al dvd del film che si contribuito a produrre, da biglietti per concerti e proiezioni a posti ad anteprime di eventi.
Il settore meno diffuso, ma con grandi possibilità di sviluppo, è quello dell’equity crowdfunding quello, appunto, dei finanziamenti alle start up. Attualmente la quota di questo tipo di crowdfunding è molto ristretta ma le authority americane stanno per regolamentare questo tipo di finanziamenti e a breve anche l’Italia si adeguerà. Una volta messa a punto la nuova legislazione anche l’equity crowdfunding esploderà, secondo Deloitte toccano un miliardo di dollari entro la fine dell’anno.

Via | Deloitte

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail