Disoccupazione al 12,2%: nuovo record negativo a maggio

Il tasso di disoccupazione giovanile nella fascia di età 15-24 anni è uguale al 38,5%.

Nuovo record negativo per la disoccupazione italiana, il cui tasso nel mese di maggio è salito al 12,2% dopo che in aprile aveva già raggiunto il livello più alto dal primo trimestre del lontano 1977, ovvero da quando si raccolgono le serie storiche trimestrali.

L’Istat oggi comunica che il tasso di disoccupazione è in crescita di 0,2 punti percentuali rispetto ad aprile e di 1,8 punti sull’anno scorso. I disoccupati sono in tutto 3.140.000 persone (+18,1% su base annua).

Il tasso di disoccupazione giovanile nella fascia di età 15-24 anni è uguale a maggio 2013 al 38,5%, in diminuzione di 1,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e in aumento di 2,9 punti nel confronto tendenziale.

Il numero di inattivi, che non cercano un lavoro, è sceso dello 0,2% a maggio, attestandosi al 36,1%, in diminuzione dello 0,1% in termini congiunturali e dello 0,3% su base annua. Il tasso di disoccupazione maschile è all’11,5%, quello di occupazione sempre maschile al 65%: il primo dato è più alto e il secondo più basso rispetto al 1977. Come dire: abbiamo toccato il fondo.

La scorsa settimana il governo Letta ha annunciato in pompa magna che il pacchetto lavoro varato dal Cdm, contenente le prime misure per favorire l’occupazione, creerà duecentomila nuovi posti di lavoro. Obiettivo probabilmente sovrastimato vista la natura dei provvedimenti licenziati dall’esecutivo che non incidono minimamente sulla struttura industriale dell’economia italiana.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail