I prezzi delle case scendono ancora

Secondo le stime preliminari dell’Istat nel 1° trimestre del 2013 l'indice dei prezzi delle abitazioni (Ipab) è in diminuzione del 5,7% su base tendenziale.


I prezzi delle case scendono ancora. Secondo le stime preliminari dell’Istat nel 1° trimestre del 2013 l'indice dei prezzi delle abitazioni (Ipab) acquistate dalle famiglie per fini abitativi e/o per investimento registra una diminuzione del 5,7% su base tendenziale, cioè nei confronti dello stesso periodo del 2012.

Rispetto al trimestre precedente l’Ipab cala “solo” dell'1,2%, ma si tratta pur sempre della sesta flessione consecutiva dei prezzi del settore abitativo. Questo per quel che riguarda il calo congiunturale del primo trimestre, mentre la flessione su base tendenziale (-5,7%) è la quinta di fila e si accoda al calo registrato nel quarto trimestre del 2012, pari a -5,2%.

La flessione congiunturale del primo trimestre 2013 è più contenuta rispetto a quella del quarto trimestre 2012 (-2,2%) essenzialmente per l'attenuazione del calo congiunturale dei prezzi delle abitazioni esistenti: -1,1% da -3,3% del quarto trimestre 2012.

Il calo congiunturale dei prezzi delle abitazioni nuove invece è il più consistente dopo quello del terzo trimestre 2012. La flessione su base annua dei prezzi delle case è data, per la prima volta sottolinea l’Istat, della diminuzione sia dei prezzi delle abitazioni esistenti (-7,7%) che di quelle di nuova costruzione (-1,1%).

Il calo dei prezzi delle abitazioni nuove è il primo su base tendenziale da due anni a questa parte; la diminuzione dei prezzi delle case esistenti, sempre sui 12 mesi, è la sesta consecutiva, seppur in lieve attenuazione rispetto a quella fatta segnare nel quarto trimestre 2012.

Di recente l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato i dati sulle compravendite dei primi tre mesi del 2013 che mostrano come il mercato immobiliare residenziale sia ancora in decisa crisi, ma con segnali di contenimento del calo delle transazioni che si è fermato a -14,2% da -25,8% registrato nel 2012, quando il mercato scese ai livelli di 28 anni fa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail