INPS: 80 miliardi di sussidi in 4 anni. Bilancio 2012 in rosso

Il sistema "è in piena sicurezza" assicura il presidente dell'Istituto Antonio Mastrapasqua.

Il deficit dell’Inps per l’anno 2012 è pari a 9 miliardi di euro. Negli ultimi quattro anni, con il mondo del lavoro attanagliato dalla crisi, l'Istituto nazionale di previdenza ha dovuto distribuire fra cassa integrazione e disoccupazione circa 80 miliardi di sussidi.

Nella relazione presentata questa mattina dal presidente Antonio Mastrapasqua al Parlamento sull'attività svolta dall'Istituto si legge che lo Stato, appunto tramite l’Inps, ha erogato sussidi per:

una platea di circa 3 milioni di lavoratori in media per ogni anno.

Lo scorso anno è stato il primo di esercizio del “nuovo Inps” a seguito dell’integrazione di Inpdap ed Enpals. Bene, l’esercizio contabile del 2012, dopo 25 miliardi di euro di saldi positivi negli ultimi quattro anni, ha prodotto un disavanzo di quasi 9 miliardi di euro. Un "rosso":

tutto imputabile alla gestione dei lavoratori pubblici.

Anche se, ha assicurato Mastrapasqua:

il sistema è in piena sicurezza.

Il presidente dell’Inps ha poi ricordato che:


È dal 2009 che chiediamo ci venga indicata la modalità più coerente e più rapida per assicurare agli attuali inquilini la possibilità di acquistare la casa in cui abitano, e all'Istituto la necessità di valorizzare un patrimonio anche mediante un'alienazione trasparente e produttiva.

L’ennesima sollecitazione rivolta al legislatore affinché metta mano alle norme sulle dismissioni per permettere all'Inps di valorizzare al massimo, sempre tenendo in debita considerazione le esigenze degli inquilini, il proprio patrimonio immobiliare. Anche questa è cassa.

Sempre dalla relazione odierna si apprende che l'Inps eroga ogni mese 21,1 milioni di pensioni, previdenziali e assistenziali, per 15,9 milioni di cittadini. La spesa complessiva nel 2012 è stata pari a 261,3 miliardi di euro, con un aumento di 66,9 miliardi, quale risultato ascrivibile quasi del tutto alla spesa pensionistica derivata dall'incorporazione nell'Inps degli enti soppressi (l’Inpdap e l’Enpals). La spesa per le pensioni, con il 45,2% degli ex lavoratori a riposo che percepisce meno di mille euro al mese, incide per quasi il 16% (15,8%) sul Pil.

© Foto TM News

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO