Riforma dell’IMU, Delrio: "accordo vicino". Intanto è stangata sulle seconde case

Il ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio: "Pensiamo di tenere conto anche dei valori dell'osservatorio immobiliare e del numero dei vani, la nuova Imu dovrà incorporare la vecchia Tares".

Il governo lavora senza sosta per trovare un accordo sulla riforma dell’Imu. La nuova tassazione sugli immobili ingloberà anche la Tares, la tassa sui rifiuti. In un'intervista a La Stampa, il ministro per gli Affari Regionali, Graziano Delrio stamane conferma: 



In attesa delle nuove rendite stiamo cercando di mettere a punto una soluzione che non crei disparità. Un esempio: le abitazioni di lusso - quelle di categoria A8 e A9, che continueranno a pagare l'Imu sulla prima casa - oggi sono solo lo 0,1% degli immobili.

L’intesa sarebbe a portata di mano:


Ci siamo vicini. Pensiamo di tenere conto anche dei valori dell'osservatorio immobiliare e del numero dei vani, visto che la nuova Imu dovrà incorporare la vecchia Tares.

Non si può ancora escludere, ha aggiunto Delrio, che il governo possa tenere in conto anche il nuovo Isee (Indicatore delle situazione economica equivalente), utilizzato per chiedere l'accesso alle prestazioni sociali.

Sulle potenziali compensazioni ai Comuni? Secondo il ministro si tratta di:

un punto decisivo sul quale c'è dibattito aperto. Spero si trovi una soluzione ragionevole, perché se il Paese sta tenendo socialmente lo dobbiamo in gran parte ai Comuni, ai quali bisogna restituire piena autonomia impositiva.

La riforma dell’Imu, che dovrebbe cancellare l’imposta sulla prima casa e sui capannoni industriali, secondo l'impegno preso dal premier Enrico Letta vedrebbe la luce entro il 31 agosto.

Intanto gli enti locali per fare cassa e far quadrare i bilanci stanno rincarando le aliquote per il saldo Imu, per la quota che è di loro competenza e cioè fino a due punti per mille sulla prima casa, partendo dall’aliquota base base del 4 per mille, e fino a tre punti sulla seconda casa, dal 7,6 per mille dell’aliquota base (e specialmente qui sono mazzate).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail