Lavoro, Istat: l’occupazione nelle grandi imprese cala dell'1,4% sull’anno

I dati dell'Istat sul lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese. A maggio 2013 occupazione in calo e retribuzioni lorde in aumento.

A maggio 2013 cala l'occupazione nelle grandi imprese, lo comunica oggi l'Istat. In termini destagionalizzati il numero di lavoratori è sceso dell'1,4%, sia al lordo che al netto dipendenti in cassa integrazione, rispetto a maggio 2012.

Il numero di occupati risulta invece stabile rispetto al mese di aprile sempre in termini destagionalizzati, al lordo dei dipendenti in cig, mentre segna una diminuzione dello 0,1% al netto degli occupati in cassa integrazione.

Fatti salvi gli effetti di calendario il numero delle ore lavorate per dipendente, ad esclusione di quelli in cassa, si è ridotto a maggio 2013 dello 0,7% su base tendenziale. L'incidenza delle ore di cig utilizzate è uguale a 33,3 ore per ogni mille ore di lavoro, con un incremento di 1,1 ore ogni mille rispetto a maggio dell’anno scorso.

Veniamo alla dinamica delle retribuzioni. A maggio 2013 la retribuzione lorda per ora lavorata, a dati destagionalizzati, fa segnare un aumento dell'1,3% rispetto al mese precedente mentre sull’anno l'indice grezzo aumenta del 2,3%.

Rispetto a maggio dell’anno scorso la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente, ancora al netto di quelli in cig, fanno registrare rispettivamente un incremento dell'1,3% e dell'1,5%. Prendendo in esame la sola componente continuativa la retribuzione lorda per dipendente è cresciuta su maggio 2012 dell'1,7%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail