Debito pubblico da record a giugno

L'aumento è di 0,6 miliardi di euro, per arrivare alla cifra record di 2.075,1 miliardi. La buona notizia è che anche le entrate tributarie sono in crescita: del 21,5% a giugno rispetto al mese precedente.

Mentre sul mercato secondario lo spread tra Btp decennale e Bund tedesco equivalente tocca stamane il suo valore minimo da due anni a questa parte, a 247 punti base, segno di un deciso allentamento delle tensioni sulla sostenibilità del nostro debito sovrano, Bankitalia comunica oggi un nuovo aumento del debito pubblico a giugno 2013.

Un rialzo di 600 milioni di euro su maggio, per arrivare alla cifra record di 2.075,1 miliardi. A influire sull’ultimo balzo del debito delle amministrazioni pubbliche, è stato l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (13,9 miliardi) che hanno più che compensato l'avanzo della pubblica amministrazione (13,5 miliardi). A fine mese le disponibilità liquide del Tesoro si sono attestate a 76,3 miliardi, contro i 46,1 miliardi di giugno del 2012.

La Banca d’Italia nel Supplemento Finanza pubblica, fabbisogno e debito spiega che nel primo semestre dell’anno l’incremento del debito (86,5 miliardi) riflette il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (44,5 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (41,9 miliardi).  

Sul fabbisogno ha pesato per 8,2 miliardi il sostegno ai paesi dell’eurozona in difficoltà, a cominciare dalla quota di competenza dell’Italia dei prestiti erogati dall’European Financial Stability Facility (EFSF). Sono 5,3 miliardi a cui va aggiunto e il versamento, fatto ad aprile, della terza tranche relativa alla sottoscrizione del capitale dell’European Stability Mechanism (ESM), per altri 2,9 miliardi.

Il report di Palazzo Koch rileva ancora come a giugno le entrate tributarie siano state pari a 46,3 miliardi, in aumento del 21,5% (8,2 miliardi di euro) rispetto a quelle dello stesso periodo dell’anno scorso (38,1 miliardi). Nei primi sei mesi del 2013 le entrate tributarie sono salite del 5,14% a 189,436 miliardi di euro, in crescita di 9,277 miliardi rispetto ai 180,159 miliardi del primo semestre dell’anno scorso. 

Inoltre Bankitalia comunica che la bilancia dei pagamenti turistica a maggio 2013 ha fatto segnare saldo netto positivo di 1.649 milioni di euro, contro un saldo di 1.522 milioni dello stesso mese dell’anno precedente. Nei primi cinque del 2013 l’avanzo complessivo è stato di 3.735 milioni di euro, a fronte dei 3.445 milioni dello stesso periodo del 2012.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail