Piazza Affari maglia rosa in Europa | Spread sotto i 240 punti

Il differenziale tra Btp e Bund aveva aperto sui livelli della chiusura di ieri, a 249 punti.

Piazza Affari chiude in deciso rialzo ed è maglia rosa in Europa. Un rimbalzo tecnico dopo i recenti cali, favorito anche dal buon clima sui mercati continentali che, accelerano dopo i dati macro migliori delle attese in arrivo dagli States. Oltreoceano Wall Street archivia l'incertezza di ieri aprendo in rialzo in scia ai numeri del settore manifatturiero Usa di agosto.

Un trader sentito dall'agenzia Reuters commenta:

"Direi una giornata più che decorosa, grazie anche ai dati Usa, che si inserisce però nel contesto molto tecnico di questa settimana".

Alla borsa di Milano l’indice principale Ftse Mib chiude in progresso del 2,56% a 17.309 punti, il Ftse All Share sale del 1,39% a 18.337 punti per un totale di volumi scambiati che rimane “estivo” pari a circa 1,4 miliardi di euro del finale.

Denaro diffuso sulle banche, che beneficiano del calo dello spread, su Finmeccanica (+6%) e Fiat Industrial (+4,8%). La borsa di Londra sale dello 0,88%, Francoforte dell’1,36%, Parigi dell’1,1% e Madrid dell'1,98%. L'indice Ftseurofirst 300 cresce dello 0,8%.

Il differenziale Btp/Bund, ritorna sotto i 240 punti base, chiudendo a 239, con tasso del decennale del Tesoro che scende al 4,31%. In calo anche lo spread Bonos/Bund, a 253 punti base, con rendimento del decennale iberico al 4,45%.

Piazza Affari tenta il rimbalzo. Borse europee positive su PMI tedesco


Apertura in leggero rialzo per le borse europee nonostante l’incertezza che permane sui mercati dopo la diffusione delle minute della Federal Reserve, che hanno chiarito solo che il taglio degli stimoli all’economia avverrà entro fine anno, senza precisare il timing del piano di rientro.

A Piazza Affari l’indice principale Ftse Mib apre con un +0,15% a 16.903 punti, grazie ai bancari e a Finmeccanica (+2%) che rimbalza dopo le perdite dei giorni scorsi. L'AllShare sale in avvio di contrattazioni della stessa percentuale, a 17.936 punti. 

Sulle piazze finanziarie del Vecchio continente oggi la spinta arriva dall’indice Pmi tedesco che conferma i miglioramenti di luglio. Il sentiment dei direttori degli acquisti aziendali della Germania è salito a 52 punti, da 50,7 del mese scorso. È la crescita più alta da oltre 2 anni e al di sopra delle attese. Il Pmi francese, invece, è stato pari a 49,7, al di sotto delle aspettative e di quota 50, soglia che separa la fase di contrazione da quella di crescita.

Sul mercato secondario lo spread tra Btp e Bund equivalenti apre stabile a 249 punti, con un rendimento del decennale del Tesoro al 4,4%.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail