Tassametri taroccati a Roma, Codacons deposita esposto

Tassametri taroccati a Roma, Codacons deposita esposto
Tassametri taroccati che aumentano, a volte raddoppiano, il prezzo della corsa. E' quanto succede a Roma, secondo l'inchiesta pubblicata dal Corriere della Sera.

"La falsificazione dei tassametri come gli altri illeciti sono fatti estremamente gravi per cui è necessario un forte impegno dell'amministrazione comunale al fine di mettere in campo un'operazione trasparenza". Lo ha affermato Umberto Marroni, capogruppo di Roma Capitale. "Un'iniziativa necessaria per dare risposte chiare non solo agli utenti, romani e turisti, ma anche ai tanti, che sono la maggioranza, tassisti onesti che ogni giorno con serietà svolgono il loro lavoro nel rispetto delle regole".

Sul caso interviene anche il Codacons che ha depositato oggi stesso un esposto in Procura, chiedendo di indagare sul giro di tassametri taroccati. "Si tratta di una truffa gravissima che consente ad alcuni tassisti disonesti di triplicare gli incassi a danno dei clienti, e determina un ingiusto arricchimento a vantaggio delle officine criminali che alterano i tassametri. Una vera e propria associazione a delinquere finalizzata a spillare soldi ai cittadini".

Per questo il Codacons, nell'esposto inviato alla Procura della Repubblica di Roma, chiede di aprire delle indagini alla luce dei possibili reati di truffa aggravata, associazione a delinquere e falso, acquisendo la registrazione realizzata dal Corriere della Sera e individuando le officine responsabili delle manomissioni. L'associazione chiede inoltre sia disposto il sequestro delle officine stesse e dei taxi coinvolti nella scandalosa vicenda.

Via Codacons.

  • shares
  • +1
  • Mail