Prezzi RC Auto impazziti: Lo scandalo del +98% in 10 anni


La tariffe delle RC auto e dell'RC moto sono ogni anno più alte. Lo certifica l'Isvap durante un'audizione al Senato parlando di una crescita dei prezzi nell'ultimo anno che arriva al 27% in più per le automobili e al 45% in più per le moto. Si tratta di aumenti da capogiro che confermano come (in un contesto nel quale la politica è impotente, complice o entrambe le cose) il nostro paese sia, confrontando i dati con quelli dei principali stati europei, quello dove assicurare un veicolo è più caro.

Un primato conquistato a suon di cifre folli (è facile arrivare a pagare fra i 900 e i 1000 euro annui, e non si tratta di casi limite) mentre in Europa si viaggia su cifre decisamente più ragionevoli. Qualche esempio? In Germania si spendono mediamente 222 euro all'anno, in Spagna 229 e in Francia 172. Una sproporzione rispetto all'Italia che non può essere giustificata con le cifre che le assicurazioni devono rifondere ai loro clienti a causa di sinistri.

Il totale fallimento della deregolamentazione del settore assicurativo è sotto gli occhi di tutti tenendo conto che, come sottolinea il Codacons, "le tariffe dell Rc auto sono saliti del 195% dal 1994 oggi". Se restringiamo il campo agli ultimi 10 anni l'aumento è stato del 98%, una crescita che è arrivata proprio mentre il tasso di incidentalità calava del 22%. Lo sottolinea Federconsumatori:

Finalmente anche l'Isvap si e' dotata della strumentazione conoscitiva dell'O.N.F., ed ora è finalmente in grado di rilevare gli scandalosi aumenti delle polizze rc auto. Aumenti che, lo ribadiamo da tempo, sono del tutto ingiustificati: basti pensare che dal 2001 ad oggi i costi per assicurare la propria vettura sono aumentati di ben il 98%, mentre, nello stesso periodo, e' diminuita del 22% l'incidentalità.

Il Governo Monti metterà mano al settore assicurativo garantendo una "vera" liberalizzazione dopo che il mercato ha dimostrato di non sapere offrire altro che tariffe sempre più proibitive ai cittadini?

  • shares
  • +1
  • Mail