Istat: la fiducia dei consumatori ad agosto è ai massimi da due anni

In crescita il quadro di fiducia personale e sopratutto quello economico. Peggiorano le aspettative per le attese sulla disoccupazione.

La fiducia dei consumatori cresce ad agosto 2013 oltre le previsioni a 98,3 dal 97,4 di luglio. A renderlo noto è noto l'Istat, che precisa come il dato sia il migliore da agosto di due anni fa.

A crescere sia il quadro personale (da 98,7 a 98,9) che quello economico (da 94,8 a 97,6). Con differenze a livello territoriale: la fiducia migliora infatti nel Nord-ovest, nel Nord-est e al Centro ma peggiora nel Mezzogiorno.

La mediana delle stime raccolte tra gli analisti dall’agenzia Reuters rilevava invece un indice di fiducia generale a quota 97,8.

Secondo l’Istituto nazionale di statistica aumenta il clima corrente, da 96,1 a 96,9, così come quello futuro da 99,7 a 101,0. Migliorano nel complesso i giudizi e le previsioni sulla situazione economica: per i primi il saldo passa da -127 a -118, per le seconde il saldo sale da -11 a -7.

Peggiorano le aspettative per le attese sulla disoccupazione, con il saldo che passa da 68 a 72, e le valutazioni sulla situazione economica della famiglia (da -62 a -67), mentre per le attese si registra un lieve miglioramento (saldo da -16 a -15).

Saldo che diminuisce, da -16 a -17, anche per i giudizi sul bilancio familiare. In calo anche il giudizio sulle opportunità attuali di risparmio (da 134 a 121). In aumento quello sulle possibilità future di risparmiare (da -51 a -44) e sono in miglioramento anche le valutazioni sull'opportunità di acquisto di beni durevoli (saldo da -102 a -90).

In aumento anche il saldo dei giudizi sull'evoluzione recente dei prezzi al consumo (da 49 a 51) con la valutazione sull'evoluzione dei prezzi che indica un aumento della dinamica inflazionistica (saldo da -13 a -1) nei prossimi 12 mesi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail