Carburanti: subito gli aumenti


Nemmeno il Natale di tregua. Gli aumenti delle accise di tutti i carburanti non attenderanno il 1 gennaio 2012 per entrare in vigore, ma arriveranno subito. Non cambiano gli importi rispetto a quanto annunciato nei giorni scorsi, le imposte saranno pari a 704,20 euro per mille litri di benzina, 593,20 euro per mille litri di gasolio, 267,77 euro per mille (pari a 147,27 euro per mille litri) per il GPL e 0,00331 euro per metro cubo per il metano.

Calcolando l'IVA l'impatto sui prezzi al consumo sarà decisamente rilevante. Già da domani la benzina verde costerà 10 centesimi in più al litro, il gasolio 14 e il GPL 2,6. Una brutta sorpresa: il salasso sarà immediato con effetti anche sul prevedibile maggior consumo per il ponte dell'Immacolata e le vacanze del periodo natalizio.

Gli aumenti non finiscono qui perché nel decreto è già previsto una possibile crescita dell'IVA per la metà del prossimo anno. In assenza di segnali positivi per i conti pubblici potrebbe infatti arrivare un +2% sia per l'aliquota del 10% (fino ad ora non toccata) sia per quella del 21%. Se necessario si potrà ricorrere anche ad un +0,5% ulteriore dal 1 gennaio 2014. L'IVA al 23,5% sarebbe la più alta fra i maggiori paesi dell'Unione Europea con soltanto tre paesi in grado di contenderci il poco invidiabile primato: la Svezia, l'Ungheria, Romania e Danimarca che applicano un'aliquota del 25%.

  • shares
  • +1
  • Mail