Controlli anti-evasione a Cortina, continuano le polemiche

Scritto da: -


L’Agenzia delle Entrate organizza un controllo a campione nella prestigiosa località turistica di Cortina d’Ampezzo durante le festività natalizie. Appena 35 attività commerciali sulle 1000 della cittadina veneta vengono scandagliate con risultati sorprendenti: gli incassi volano fino al +300% in più rispetto allo stesso giorno dell’anno prima con un +110% rispetto alla giornata precedente.

Bar, Ristoranti, negozi che vendono beni di lusso vedono improvvisamente un’impennata delle loro entrate proprio in coincidenza della visita della Guardia di Finanza. Evidente, evidentissimo, che queste attività avevano l’abitudine di occultare i propri guadagni al Fisco. Certo l’operazione ha avuto un’eco notevole sulla stampa, ma incredibilmente da 10 giorni non sono gli evasori fiscali ad essere al centro delle polemiche, bensì la stessa Agenzia delle Entrate che ha disposto questi controlli.

Ancora oggi il Governatore del Piemonte Roberto Cota ha detto, testuali parole: “Questa azione non è stata un’azione di contrasto all’evasione fiscale ma un’operazione di immagine che ha portato conseguenze negative“. Le conseguenze negative del fatto che nella stessa giornata dell’anno precedente migliaia di euro di incassi erano stati nascosti agli occhi dell’erario sono in secondo piano rispetto all’enormità del misterioso “danno d’immagine” provocato dalle ispezioni a sorpresa.

L’aggressione mediatica (in prima fila c’è da segnalare l’onorevole del PDL Fabrizio Cicchitto che ha “esternato” per giorni sul fatto che i controlli mostrerebbero un accanimento da “stato di polizia“) ha costretto la portavoce dell’Agenzia delle Entrate Antonella Gorret a ribadire:

Abbiamo controllato 35 esercizi commerciali su mille. Prima delle ispezioni abbiamo fatto un’analisi del rischio, e siamo andati in questo modo ai controlli. Ci muoviamo sull’analisi di rischio, sugli esercizi commerciali che sono sempre in perdita ma restano aperti, e’ un’incongruenza.

Inutile negarlo, evidentemente ci sono politici che sono più preoccupati di difendere gli evasori che gli onesti cittadini.

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Soldiblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.