Taxi: una tariffa ci seppellirà!

taxi veltroni

Della via risolutiva tracciata dal sindaco Veltroni in merito alla querelle tassistica ne avevamo già parlato. (leggi) Tuttavia la debacle nella capitale non si é ancora spenta. Questa volta ad infiammare gli animi ci pensano la lotta agli abusivi e la tariffa unica su Fiumicino e Ciampino.

Prima di parlarne però dobbiamo fare una breve segnalazione: su Adiconsum é partita l'iniziativa S.O.S. taxi, uno strumento utile attraverso cui i cittadini romani potranno segnalare i disservizi o i miglioramenti intervenuti a seguito degli accordi tra i tassisti e il Comune. (clicca qui)

La questione più spinosa, in questi giorni, é quella degli abusivi. Fioccano multe taglia extra-large a Fiumicino, perché la direzione aeroportuale ha ordinato ai vigili di applicare alla lettera, al posto del codice della strada, quello di navigazione. Risultato: le sanzioni volano a quota duemila euro e le infrazioni segnano una lieve diminuzione, così come il numero di abusivi.

Il problema é che gli urbani di Fiumicino e quelli del GIT (gruppo intervento traffico) di Roma non solo non collaborano ma applicano anche ammende diverse. I caschi bianchi del Git di Roma, inviati dal prefetto, infatti, sono passati da 103 a 2066 euro tra le proteste dei tassisti.

Intanto lo scontro si infiamma anche su un altro fronte: quello della tariffa unica nelle corse dagli aeroporti alla capitale (40 euro per Fiumicino, 30 per Ciampino). Allo stato attuale i 36 conducenti con regolare licenza rilasciata dal Comune di Fiumicino applicano un tariffario più alto rispetto a quello dei loro colleghi romani, non potendo raccogliere, una volta effettuata la corsa di andata, altri passeggeri fuori dal Comune in cui è stata rilasciata loro la licenza. A rimetterci naturalmente è il passeggero, costretto a pagare anche la corsa virtuale di ritorno.

Per Aduc l'accordo sulla tariffa unica che dovrebbe scattare domani è una bufala. “Infatti - ha spiegato il segretario dell'Aduc Primo Mastrantoni in un comunicato - il costo di una corsa di taxi da Fiumicino aeroporto a Roma Campidoglio, il centro per eccellenza, costa oggi circa 35 euro. Questo vuole dire che il sindaco Veltroni, o meglio l'assessore alla mobilità Mauro Calamante, ha regalato ai tassisti un aumento del 14 per cento che è la differenza percentuale tra 40 e 35 euro. L'accordo - ha poi aggiunto Mastrantoni - è stato sottoscritto calcolando una corsa tra Fiumicino aeroporto e Roma centro, ed è stato presentato da Veltroni come un successo che tutelerà gli utenti dai tassisti furbi. Ma, come è evidente, non è così: le tariffe prefissate sono esattamente il contrario di quanto richiede il mercato."

Altro argomento: il dopo notte bianca “Che è stata un fallimento per quanto riguarda il servizio pubblico dei taxi a Roma - afferma Giuliano Falcioni, segretario nazionale Ciisa -. Non solo per le centinaia di persone rimaste bloccate in fila alla stazione Termini, ma anche per chi era in servizio e non ha potuto lavorare. Non è stato rispettato l'accordo da parte del sindaco e della giunta comunale nell'attuare le corsie preferenziali”

"Ora che ha ottenuto i poteri speciali per il traffico – rincara Sergio Marchi, consigliere comunale di An - il sindaco Veltroni non ha più alibi, e non potrà più scaricare su altri le colpe della sua amministrazione."

Povero Veltroni, forse i romani si sono dimenticati che la loro città non é stata fatta in un giorno?

  • shares
  • Mail