L'Istat taglia le stime sul Pil: -0,3% nel 2° trimestre, -2,1% sull'anno

A influire sul peggioramento della stima gli aggregati principali della domanda interna.

L’istat taglia le stime sul Pil per il secondo trimestre del 2013. Il Prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e del 2,1% su base tendenziale, cioè rispetto allo stesso periodo del 2012.

Previsioni riviste dunque al ribasso dopo che il 6 agosto scorso l’Istituto nazionale di statistica aveva rilevato una diminuzione dello 0,2% sul mese e del 2% sull’anno.

Il secondo trimestre del 2013 ha avuto una giornata lavorativa in meno del trimestre precedente ma lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al secondo trimestre 2012. A influire sul peggioramento della stima sono gli aggregati principali della domanda interna, ovvero i consumi finali nazionali e gli investimenti fissi lordi, in calo dello 0,3% sui tre mesi precedenti. Regge invece la domanda estera che fa segnare un +1,2% di esportazioni mentre l’import è in flessione dello 0,3%.

Più in dettaglio la domanda nazionale al netto delle scorte ha tolto lo 0,3% alla crescita del Pil, il contributo dei consumi delle famiglie è stato uguale a -0,3 punti percentuali mentre quello degli investimenti fissi lordi e della spesa della Pubblica Amministrazione è stato nullo.

Variazioni congiunturali negative sono state registrate nell'agricoltura (-2,2) nelle costruzioni (-0,9%) nei servizi (-0,3%) e nell'industria (-0,1). Su base tendenziale il valore aggiunto è diminuito del 6,9% nelle costruzioni, del 2,6% nell'agricoltura, dell'1,2% nei servizi e del 2,5% nell'industria in senso stretto. La variazione del Pil acquisita per il 2013 è pari a -1,8%.

Secondo le previsioni economiche di Confesercenti-Ref l’Italia sta finalmente uscendo dalla recessione (dopo tutti gli altri Paesi dell'eurozona) ma la modesta crescita prevista per l’anno prossimo (+1,0%) non sarà sufficiente a creare posti di lavoro (-0,2%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail