Italia osservato speciale all’Ecofin, Rehn: “essenziale stabilità politica”

Vilnius. Al commissario Ue agli affari economici fa eco il presidente dell'eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem.

Il commissario Ue agli Affari economici, Olli Rehn, ammonisce l’Italia dopo la diffusione degli ultimi dati macro economici ricordando come per il Paese sia essenziale mantenere la continuità di governo. Continuità dell’esecutivo di larghe intese minacciata dalla questione della decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, dopo la sua condanna definitiva per evasione fiscale, con voto in giunta per le Immunità del Senato in calendario mercoledì prossimo.

A Rehn fa eco il presidente dell'eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, che sempre stamattina a margine dei lavori dell'Ecofin in corso a Vilnius (Lituania) ha detto:

"Ciò che è più importante è la stabilità politica".

Rehn prima dell'inizio dei lavori dell’eurogruppo (che riunisce i ministri dell’economia e delle finanze dell’eurozona) e commentando il calo del Pil italiano del secondo trimestre (-0,2%) certificato da Eurostat ha spiegato:


“Gli ultimi dati economici sull'Italia non sono buoni, per assicurare il ritorno della ripresa è essenziale la stabilità politica. L'Italia è scossa da turbolenze politiche, siamo tutti consapevoli che il governo di recente ha preso chiari impegni e sta andando avanti, ma ora è importante che eviti l'instabilità politica e si concentri sulle riforme economiche, perché questo è quello che le serve".

Ieri l’Istat ha reso noto il dato definitivo sulla produzione industriale italiana a luglio, al di sotto delle attese (-1,1% su giugno) come del resto anche in Europa dove l’indice ha fatto segnare a luglio un -1,5% sul mese precedente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail