Carrello della spesa: +4.7% ad aprile

Scritto da: -


L’Istat ha diffuso le stime preliminari sui dati dell’inflazione per il mese di aprile ed ancora una volta arrivano cifre che suonano come una beffa per i consumatori italiani, ed insieme preoccupano parecchio. Ancora una volta il tasso d’inflazione generale dovrebbe rimanere stabile al +3,3%, ma come capita da diversi mesi a questa parte la batosta è “nascosta” nel dato del cosiddetto “carrello della spesa“, l’indice dei prezzi calcolato su un paniere di beni molto più ristretti e decisamente più legati alle abitudini reali e concrete dei consumatori italiani.

Secondo l’Istat siamo arrivati al +4,7%, il dato più alto da settembre 2008 se verranno confermate le stime preliminari. Il cibo, i carburanti, tutti quei prodotti che acquistiamo quotidianamente continuano a vedere prezzi in salita falcidiando il potere d’acquisto delle famiglie italiane. Il Codacons non ha perso tempo andando a calcolare a quanto ammonterà il danno a fine anno per i consumatori:

Tradotto in termini di costo della vita, significa che una famiglia di tre persone spenderà, per fare la spesa di tutti i giorni, 635 euro in più su base annua, mentre per una famiglia di quattro persone la stangata sarà di 686 euro all’anno. E’ evidente che aumentare ad ottobre l’Iva significherebbe una ulteriore spinta sui prezzi già alle stelle l’effetto sull’inflazione sarebbe variabile tra l’1,32% e l’1,74%, a seconda che scattino anche gli arrotondamenti e le speculazioni.

Già, il benedetto aumento dell’Iva, quello che rischia di portarci ancora più lontani dall’Europa. Proprio oggi Eurostat ha annunciato il lieve calo dell’inflazione nell’Eurozona: +2,6% di aprile dal +2,7% di marzo.

Foto | © TM News

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!