Benzina e energia: aumenti record

Scritto da: -


Carburanti, gas ed energia elettrica continuano gli aumenti selvaggi. Il “Caro energia” fotografato dalle ultime rilevazioni dell’Istat assume contorni sempre più preoccupanti con aumenti in doppia cifra se si guarda ai prezzi di 12 mesi fa. A guidare la graduatoria degli aumenti c’è chiaramente la benzina che con il +3,1% di aprile aumenta su base annua del 20,8% contro il +18,6% fatto registrare a marzo.

Sono numeri che preoccupano e assolutamente inediti. Come spiega l’Istat dall’inizio delle rilevazioni della serie storica, il lontano 1996, non ci si era mai trovati di fronte a numeri elevati. Comincia ad assumere i contorni di un’autentica emergenza, in una totale assenza di iniziative governative tese a calmierare il prezzo del bene (volenti o nolenti) che ha un ruolo determinante nella formazione dei prezzi anche di moltissimi altri beni, alimentari inclusi. Fra l’altro l’Istat ha certificato anche un significativo aumento di una delle alternative, una volta molto economiche, alla benzina. Il prezzo del Gpl è cresciuto ad aprile del 4,4% con aumento su base annua del 12,5%, un inseguimento ai carburanti tradizionali. Anche il gasolio per riscaldamento aumenta dello 0,3% sul mese precedente e del 10,1% su quello corrispondente del 2011 (era +11,7% a marzo).

Possiamo rinunciare alla mobilità, ma fino a che punto possiamo rinunciare all’energia elettrica in casa? Dovremmo iniziare a valutare seriamente alternative di risparmio energetico perché ad aprile l’aumento è stato del 3,6% con una crescita su base annua del 10,9%. Stessa antifona per il gas metano con un +1,5% ed un +15,1% guardando a 12 mesi fa.

Foto | © TM News

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!