Telecom venduta agli spagnoli di Telefonica: c'è l'accordo

La società iberica passa al 65% di Telco, la holding che controlla Telecom, con un'opzione per arrivare al 100% entro il primo gennaio 2014.

L'annuncio ufficiale manca ancora, ma la cosa è ormai certa: Telecom passa agli spagnoli di Telefonica, attraverso un consistente aumento delle loro quote in Telco, la holding che controlla il 22,5% della compagnia e che al momento è spartita tra, appunto, Telefonica, Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo.

Il tutto funziona ovviamente attraverso i soliti giri di questo genere di operazioni finanziarie: Telco controlla Telecom attraverso un pacchetto del 22,5%. All'interno di Telco, Telefonica salirà dal 46% al 65%, con un'opzione per passare in tempi brevi al 70%. Da notare come però Telefonica manterrà i diritti di voto in Telco spa all'attuale 46,1% anche dopo i due aumenti di capitale.

La cosa si è subito riflettuta positivamente sulle borse, visto che Telecom in mattinata ha messo a segno un +4%. "Siamo soddisfatti di aver concluso questo accordo che è in linea con i nostri obiettivi di rafforzamento patrimoniale e che ci permette di guardare con ottimismo alla distribuzione di un dividendo soddisfacente a fine anno", ha commentato il ceo di Generali, Mario Greco. Che ha anche spiegato quali saranno i prossimi passi della sua azienda, che uscirà da Telco tra il giugno 2014 e il febbraio 2015.

E infatti entro il primo gennaio 2014 Telefonica passerà al 100% di Telco, in base a questo accordo: "A decorrere dal primo gennaio 2014, Telefonica avrà la facoltà (opzione call) di acquistare per cassa tutte le azioni dei soci italiani in Telco, ad un prezzo determinato valorizzando la partecipazione di Telco in Telecom Italia al maggiore tra 1,1 euro e il prezzo di mercato delle azioni al momento dell'esercizio della opzione call". Il che significa che a poco più di un euro ad azione, l'ultima compagnia telefonica italiana passa in mani spagnole.

  • shares
  • +1
  • Mail