Libri di testo scolastici: comodato d’uso al via

Stanziati 8 milioni di euro nel biennio 2013 e 2014. La coperta è abbastanza corta e priorità sarà data alle regioni dove il tasso di famiglie in condizioni di disagio è maggiore.

Parte il comodato d’uso dei libri di testo scolastici per gli studenti bravi provenienti da famiglie non abbienti. Il decreto è stato firmato ieri, a scuole ormai aperte, dal Ministro dell’istruzione, Maria Chiara Carrozza, ed è immediatamente operativo.

Con il decreto legge per la scuola il governo Letta ha stanziato otto milioni di euro, tra 2013 e 2014. Il provvedimento dell’esecutivo ha iniziato il suo percorso di conversione in legge la scorsa settimana a Montecitorio.

A poter beneficiare del comodato d’uso per i libri di testo saranno gli studenti delle scuole statali individuati, dagli stessi istituti, come meritevoli del sostegno.

Per l’anno in corso il Ministero potrà contare su risorse pari a 2,7 milioni di euro che dovranno essere impiegate dando la priorità ai quei territori dove i nuclei familiari si trovano a vivere le situazioni di maggiore disagio socio-economico, con figli che frequentano con profitto le scuole secondarie statali di primo e secondo grado.

Secondo quanto stabilito dal decreto la precedenza nella ripartizione delle risorse sarà data a quelle regioni dove il tasso di famiglie disagiate, cioè con un reddito netto fino a 15.493,71 euro l'anno, è superiore al 15%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail