Vendite al dettaglio in calo a luglio 2013

L'Istat: -0,3% sul mese precedente, -0,9% sull’anno.

Vendite al dettaglio in calo a luglio 2013 in Italia, ai minimi dal 2001. L'indice destagionalizzato Istat mostra una riduzione dello 0,3% sul precedente mese di giugno e dello 0,2% sulla media del trimestre maggio-luglio 2013 rispetto ai tre mesi precedenti.

Su base tendenziale, rispetto a luglio 2012, l’indice grezzo del totale delle vendite fa registrare una flessione (la tredicesima consecutiva) dello 0,9%, come risultato di un aumento dello 0,2% delle vendite di prodotti alimentari e di una contrazione dell'1,6% delle vendite di prodotti non alimentari. Tutto ciò anche se la fiducia dei consumatori è tornata a salire con decisione - sempre secondo l’Istat - a giugno 2013, per arrivare ai massimi degli ultimi due anni a settembre.

Per canale di distribuzione, le vendite al dettaglio fanno rilevare a luglio 2013, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, un calo sia per la grande distribuzione (-0,4%) che per le imprese attive su piccole superfici (-1,2%).

Dal confronto con i primi sette mesi del 2012, le vendite di prodotti alimentari fanno segnare un calo dell'1,6%, quelle di prodotti non alimentari del 3,3%, per una flessione totale del 2,6%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail