Prestiti: quali saranno gli effetti del downgrade di Moody's?

Scritto da: -

Dopo il downgrade subito da Barclays, HSBC, Royal Bank of Scotland e Lloyds Banking Group, in Gran Bretagna si discute delle ripercussioni attese per l’utente finale che necessita di prestiti personali. L’aumento del costo del denaro per le banche è destinato a tramutarsi per forza in un rincaro anche sul mercato dei mutui.

Il giudizio negativo di Moody’s su 15 grandi banche e istituti finanziari avrà conseguenze globali proprio perché, anche quando si tratta di gruppi stranieri, i nomi coinvolti hanno rilevanza internazionale, come per esempio Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs e JP Morgan - cinque delle principali banche americane.

A spuntare un margine competitivo saranno le banche non colpite dal downgrade, capaci ora di offrire denaro in prestito ad un costo stabile rispetto al passato con un margine non eroso dal maggior costo che subiranno le banche che invece hanno subito il declassamento. ABC News dice che anche funzioni base come l’estratto conto dovranno diventare fonti di entrate per le banche, con un effetto negativo per il cliente finale.

Di segno contrario invece il giudizio del New York Times, almeno per il breve termine: la dichiarazione del VP di HSH, un comparatore di prezzi come l’italiano SuperMoney, spiega infatti che per i mutui non sono attesi effetti indesiderati.

Fonte: ABC News | This is money | NYT

Iniziativa realizzata in collaborazione con SuperMoney.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!