Tariffe del Gas: nessun rincaro per le bollette degli italiani

gas

Il Consiglio di Stato ha accolto l’appello dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas che chiedeva la conferma della delibera n. 248/04.

Tale delibera modificava il meccanismo di indicizzazione della componente “materia prima gas” integrando la formula di aggiornamento trimestrale in modo da attenuare l’incidenza dei costi dei prodotti petroliferi (che stanno purtroppo registrando con costanza valori elevati) sui prezzi di riferimento del gas per i clienti finali.

Il Codacons applaude la decisione:

"E' una decisione positiva per tutti i consumatori - afferma il portavoce del Codacons Carlo Rienzi in una nota - ma non dimentichiamoci che dal primo aprile le tariffe del gas subiranno aumenti del 2,2%, pari a +21 euro annui in bolletta. Purtroppo le tariffe del gas in Italia sono tra le più elevate d'Europa - conclude Rienzi - segno questo che serve una nuova politica energetica e una maggiore concorrenza nel settore per riportarle ad un livello accettabile".

(dal comunicato) L’Autorità, negli atti che faranno seguito alla sentenza del Consiglio di Stato, tutelerà i consumatori finali e gli operatori minori. Per quanto riguarda questi ultimi l’Autorità in primo luogo assicurerà la corretta applicazione della disposizione della deliberazione n. 248/04 che imponeva la rinegoziazione dei contratti di fornitura rispetto ai fornitori all’ingrosso e, se del caso, porrà in atto adeguati strumenti per favorire la concorrenza; ciò pur in un contesto in cui la presenza di un operatore dominante e le scarse disponibilità di infrastrutture limitano la concreta potenzialità competitiva degli operatori.

Come d'uso, l'Autorità elaborerà i prossimi aggiornamenti tariffari trimestrali sulla base di dati consuntivabili fino a marzo; le tariffe conseguenti saranno infatti fissate con decorrenza dal 1° aprile prossimo.

  • shares
  • Mail