Nuovi aumenti per luce e gas. Ma dalla finanziaria arrivano 50 milioni contro il caro-bollette

caro_bolletta_iva
Due notizie. Una buona e una cattiva. Cominciamo da quella cattiva.

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha provveduto all'aggiornamento periodico delle tariffe per il trimestre ottobre - dicembre 2006. Per le famiglie italiane: aumenti tariffari dello 0,3% per il gas e dell’1,6% per l’elettricità. L’aumento su base annua della spesa media complessiva delle famiglie per il gas e l’elettricità, rispetto al precedente aggiornamento tariffario, risulterà pari a 9,86 euro (+ 0,7%).

Come spiega una nota dell'Autorità, "Nel trimestre luglio-settembre la volatilità del prezzo del petrolio, che influenza le tariffe dei servizi energetici, è stata particolarmente accentuata: dopo aver raggiunto (8 agosto 2006) il nuovo massimo storico di 78,69 dollari al barile (Brent dated), le quotazioni sui mercati internazionali sono progressivamente diminuite fino a raggiungere, alla fine di settembre, livelli intorno ai 60 dollari al barile. Conseguentemente, sebbene alcune delle voci che compongono le tariffe risentano dei significativi aumenti dei prezzi dei combustibili registrati nei mesi precedenti, l’impatto complessivo sulle tariffe è attenuato da previsioni in calo degli stessi prezzi per il quarto trimestre, rispetto alla media del trimestre precedente."

E dopo la notizia brutta, forse, una positiva. Le risorse incassate, sotto forma di maggior gettito Iva, a causa dell'aumento dei prezzi del petrolio e quindi della benzina verranno utilizzate in parte per ridurre l'onere energetico (solo alle fasce più deboli però). A dirlo é la Finanziaria che istituisce un fondo contro il caro bollette pari a 50 milioni di euro per tutto il prossimo triennio.

  • shares
  • +1
  • Mail