Poker telematico, Cisl: fattura 50 miliardi all'anno ma paga solo lo 0,46% di tasse

Bonanni: "Mi devono spiegare perché queste lobbies fanno quello che vogliono".

Il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, a un convegno del sindacato a Magnano in Riviera, in Friuli, attacca ad alzo zero sulla tassazione delle rendite finanziarie:


Bisogna tassare le rendite finanziarie, dal 20 al 22%. Una vergogna anche perché alzare al 22% quella tassazione significherebbe avere a disposizione più di dieci miliardi di euro in grado, quindi, di risolvere anche il problema dell'Imu.

L’ipotesi dell’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie è in effetti allo studio del governo secondo quanto detto stamani dal sottosegretario al lavoro Dell’Aringa, prorio per sminare la questione Imu.

Ma Bonanni ne ha anche per il poker telematico che realizza un fatturato pari a 50 miliardi all'anno ma paga solo lo 0,46% di tasse.

Il segretario della Cisl ha poi sollecitato ancora una volta il governo ad abbassare in modo consistente le tasse per pensionati e lavoratori attraverso la riduzione degli sprechi della spesa pubblica. Su questo il suo sindacato chiede l’apertura di un tavolo di discussione con il governo. Secondo Bonanni sono state proprio le pressioni esercitate dalle “lobbies di spesa” a mettere i bastoni tra le ruote al premier Enrico Letta durante questi mesi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: