Pompe di benzina taroccate: “53 colonnine irregolari su 2400 sono una nullità”

Scritto da: -

Il Presidente della Federazione dei gestori degli impianti di carburante (FIGISC) Luca Squeri difende la categoria dopo i controlli della Guardia di Finanza sulle pompe di benzina taroccate, in diversi modi. Ad esempio con gasolio annacquato o con l’indicazione di un prezzo per litro che poi non corrisponde a quanto effettivamente erogato dal distributore.

Ebbene secondo Squeri “Cinquantatrè colonnine e pistole erogatrici irregolari su 2.400 impianti controllati sono una nullità”. ”Io sono stato portato davanti a un giudice per due pistole erogatrici che tre anni fa furono trovate fuori tolleranza - racconta Squeri a Il Messaggero -, cosa che è assolutamente fisiologica”. Il gasolio annacquato da altre sostanze chimiche -  aggiunge Squeri - è  ”un’altra cosa”. ”Penso che i gestori disonesti esistano e che prima vengono puniti e meglio è  per tutti”.

Le truffe sui carburanti oltre a colpire gli automobilisti, pesano anche sulle casse dello Stato. La miscelazione con prodotti petroliferi diversi, che non sono soggetti a imposte e  costano meno, fornisce agli utenti un prodotto scadente, potenzialmente dannoso per l’auto, e permette di creare della  “riserve occulte” di carburante da vendere poi “in nero”.

Foto | © TMNews

 

Vota l'articolo:
3.91 su 5.00 basato su 11 voti.