33 miliardi per l’agricoltura italiana nei prossimi 7 anni

L'agricoltura dei Paesi dell'Unione europea potrà contare dal 2014 al 2020 su 408,31 miliardi di euro previsti dalla politica agricola comune (Pac).

Nei prossimi sette anni per l'agricoltura italiana saranno disponibili 33,4 miliardi di euro di finanziamento europeo: 22,96 miliardi per gli agricoltori e le misure di mercato, i restanti 10,3 saranno destinati agli investimenti nelle aree rurali. I dati sono espressi in prezzi correnti, cioè includendo l'inflazione.

Il parlamento europeo ha votato ieri il bilancio pluriennale della Ue 2014-2020 confermando la destinazione dei fondi per l’agricoltura europea che dal 2014 al 2020 potrà fare affidamento su 408,31 miliardi di euro, il 38% del budget globale dell'Ue. Se sembra molto basti pensare che solo qualche anno fa questa percentuale arrivava al 70%.

Gli agricoltori che produrranno tenendo conto degli standard di qualità europei e rispettando le regole Ue a tutela di ambiente, territorio e benessere degli animali, nei prossimi sette anni otterranno buona parte dei finanziamenti della Politica agricola comune (Pac), cioè 312,7 miliardi. 
I 95,5 miliardi rimanenti serviranno a finanziare gli investimenti nelle aree rurali per creare posti di lavoro.

E la Pac, oggetto di riforma presso il parlamento europeo, sta comunque già dando il suo contributo alla ripresa dell’economia e dell’occupazione: l'esportazione dei prodotti agricoli europei supera i 100 miliardi di euro l’anno, più dei settori auto e farmaci.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail