Furti in treno: quando è possibile il rimborso di Trenitalia?

Scritto da: -

Come farsi rimborsare da Trenitalia se si è subito un furto in treno? Innanzitutto va detto che non tutti i treni sono coperti da un’assicurazione che consente di chiedere un  risarcimento per il furto. Questa possibilità vale per solo gli Eurostar, gli Intercity, vagoni letto e cuccette.

Come spiega in dettaglio L’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori):

L’assicurazione copre bagagli e valori che si trovano:
1.Nel vano bagagli esterno al salone passeggeri delle carrozze dei treni AV (denominati Frecciarossa e Frecciargento), ES*, Intercity, Frecciabianca con carrozze “gran comfort” a salone. Massimo 300 euro per singolo bagaglio (max 600 euro a passeggero).
2.Nelle cuccette o nei vagoni-letto, a condizione che il compartimento sia stato correttamente chiuso. Massimo 300 euro per singolo bagaglio e valori (massimo 600 euro a passeggero).
3.Nelle auto (massimo 1.500 euro a vettura) o sulle moto (massimo 250 euro) al seguito.

Il passeggero che subisce il furto deve segnalarlo al personale di Trenitalia, poi denunciare entro 3 giorni l’accaduto alle forze di polizia o all’Autorità giudiziaria, ed entro una settimana inviare la richiesta di risarcimento  a:  Trenitalia - Vendita e Customer Service Base - PostVendita Piazza della Croce Rossa, 1 - 00161 Roma.

In alterativa il passeggero può consegnare la richiesta di rimborso al personale dell’assistenza clienti o della biglietteria. Alla richiesta va sempre allegata copia della denuncia o distinta delle cose rubate, più il biglietto del treno.

Foto | © TMNews

 

 

Vota l'articolo:
3.67 su 5.00 basato su 3 voti.