Disoccupazione giovanile record, Giovannini: "la stabilità dei dati fa sperare"

Si tratta del livello più elevato dal 1977. I disoccupati nella fascia d'eta 15-24 anni sono arrivati a quota 663mila.


Il ministro del lavoro Enrico Giovannini, ex presidente dell’Istat, commenta i dati sulla disoccupazione diffusi oggi e, nonostante il nuovo record negativo per quella giovanile, riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno:

La stabilità della disoccupazione e dell'occupazione è coerente con il quadro economico in cui ci sono segnali di risvegli che stanno avvenendo adesso. È evidente che la disoccupazione resta molto elevata e che quella giovanile aumenta leggermente. I dati sarebbero però stati peggiori senza gli interventi messi in campo dal Governo che hanno prodotto 15mila nuovi posti di lavoro per i giovani e 12mila per le donne.

E ancora:

La ripresa tarda a riflettersi sul mercato del lavoro dati non sono sorprendenti, pur se negativi. La loro stabilità ci lascia sperare che nei prossimi mesi anche l'occupazione possa aumentare. L'importante è far ripartire l'occupazione e riattivare il mercato del lavoro.

Secondo il ministro le azioni messe in campo dall’esecutivo stanno cominciando ad avere effetti, che però non si vedono ancora nei dati aggregati dell’Istat.

Disoccupazione, nuovo record a ottobre: i giovani senza lavoro sono il 41,2%


Nuovo record negativo della disoccupazione

che a ottobre è sempre sui massimi, al livello più alto dal 1977 per quel che riguarda i giovani.

Sulla base delle stime provvisorie diffuse oggi dall'Istat il mese scorso il tasso di disoccupazione generale è rimasto altissimo ma stabile, al 12,5%, lo stesso valore di settembre quando aveva toccato il livello più elevato dal primo trimestre del 1977.

Per la popolazione nella fascia d’eta compresa tra 15 e 24 anni il tasso è invece schizzato a ottobre 2013 al 41,2%: è il picco più alto raggiunto dalla disoccupazione giovanile sia da gennaio 2004, cioè dall’inizio delle serie storiche mensili, sia dal primo trimestre del 1977, da quando sono cominciate le rilevazioni con le serie storiche trimestrali.

La percentuale dei giovani senza occupazione è in aumento dello 0,7% rispetto allo scorso settembre e del 4,8% nei dodici mesi.

I disoccupati che hanno tra i 15 e i 24 anni sono in tutto 663mila. La loro incidenza sulla popolazione in questa fascia d'età è uguale all'11%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e dello 0,6% su base tendenziale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail