Nuovi poveri in aumento: 4,1 milioni di italiani non possono sfamarsi

Coldiretti scatta la fotografia di una situazione sempre più drammatica in occasione della giornata della Colletta alimentare.

In Italia le persone costrette a chiedere aiuto per sfamarsi sono 4.068.250: nel 2013 la percentuale è salita del 10% rispetto allo scorso anno.

A lanciare l‘ennenismo allarme sulla diffusione della povertà nel Belpaese è uno studio della Coldiretti in occasione della giornata della Colletta alimentare che - secondo il Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013 dall'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea) - quest’anno ha fatto segnare un aumento di richieste del 47% rispetto al 2010.

Sotto la scure della crisi economica e della perdita di lavoro Coldiretti registra un aumento esponenziale degli italiani che non dispongono di risorse sufficienti nemmeno a mettere insieme un pasto. Tre anni fa erano in questa condizione 2,7 milioni di persone, 3,3 milioni nel 2011 e 3,7 milioni nel 2012.

Andando più nei dettagli dell’analisi di Coldiretti, l'associazione precisa che quest’anno 303.485 persone hanno beneficiato dei servizi mensa gratuiti, mentre 3.764.765 hanno avuto assistenza con i pacchi alimentari che sembrano rispondere meglio alle aspettative dei cosiddetti nuovi poveri - disoccupati, pensionati, famiglie con bambini - che non riescono a fare la spesa e spesso per vergogna preferiscono questo tipo di aiuto ai pasti gratuiti da consumare in mensa.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail