Natale: meno regali sotto l’albero, ma non si rinuncia a pranzi e cenoni

Il 57% degli italiani alla vigilia dichiarava che avrebbe speso come lo scorso anno a tavola. Regali in calo del 5% su Natale 2012.

Gli italiani hanno sì tagliato del 5% rispetto all’anno scorso la spesa per i regali di Natale ma non hanno rinunciato ai tradizionali pranzi e cenoni della festività.

Secondo le elaborazioni di Coldiretti, sulla base di una indagine Deloitte, le famiglie hanno scartato sotto l’albero regali per un valore di 4,1 miliardi di euro. In ogni famiglia in media sono stati comprati 5 regali, per un valore di circa 36 euro cadauno.

Nel confronto con Natale 2012 la spesa per i regali natalizi è calata in totale di 205 milioni di euro, con i tagli che hanno riguardato specie parenti e amici, e meno i bambini, se stessi, il partner e/o il coniuge.

A soffrire di più del calo degli acquisti l’abbigliamento e le tecnologie per il divertimento. A tenere davvero botta sono le spese nel settore alimentare per imbandire la tavola delle feste. Secondo uno studio Coldiretti/Ixè l’alimentare rappresenta il 25% delle spese di Natale.

Il 57% degli italiani alla vigilia dichiarava che avrebbe speso come lo scorso anno a tavola, il 25% che avrebbe tagliato fino alla metà della spesa, il 4% meno della metà rispetto all’anno scorso, mentre il 12% asseriva che avrebbe speso di più per il menu natalizio di quanto fatto nel 2012.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail